Aree protette, Soa e Salviamo l’Orso: “Altri tagli dopo la sberla del Sirente Velino?”

di Redazione | 01 Dicembre 2022 @ 15:10 | AMBIENTE
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “”Biodiversità senza pace in Abruzzo, ora vogliono tagliare i siti Natura2000 europei del Parco nazionale del Gran Sasso”. Inizia così la nota delle associazione ambientaliste Soa e Salviamo l’Orso: “Dopo la sberla rimediata sul taglio del Parco del Sirente-Velino ora vogliono aprire un fronte ancora più ampio a livello comunitario?

“Apprendiamo del lavorio in corso tra le stanze della Regione Abruzzo e del Ministero dell’Ambiente promosso dai senatori Liris e Sigismondi per tagliare ampie aree della Zona di Protezione Speciale e del Sito di Interesse Comunitario di Campo imperatore dove insiste la stazione sciistica e dove, immaginiamo, vogliono mettere le basi per spendere altri fondi pubblici al fine di ampliare gli impianti secondo uno sconsiderato piano d’area disegnato venti anni fa.

Il tutto avviene in un Parco Nazionale e a pochi giorni dalla sberla rimediata dalla Regione Abruzzo in Corte Costituzionale sul taglio del Parco Sirente-Velino.

I due senatori sanno che i territori in questione sono stati perimetrati nel 1995 da uno studio pagato dalla Regione Abruzzo a vari consulenti, tra cui diversi cattedratici dell’Università di L’Aquila? Sanno che la stessa regione, in maniera sconsiderata, provò a rivedere i confini nel 2000 pagando altri studi che però confermarono la bontà della perimetrazione anche per evitare grossi guai con la Commissione Europea?

Nonostante la presenza di alcuni detrattori ambientali che in un Parco dovrebbero essere rinaturalizzati e i danni di piloni e piste esistenti le aree in questione sono comunque colonizzate da decine di specie animali e di habitat protetti a livello comunitario. Insomma, cemento e ruspe non sono riusciti ad eliminare completamente i valori naturalistici del sito. Servirebbe quindi lavorare per migliorare la situazione ambientale, non peggiorarla.

La Regione Abruzzo si presenterà a Bruxelles aprendo un fronte per ridurre le tutele? Vorrà dire che dovremo portare alla Commissione i faldoni dei Piani di Gestione dei Siti finanziati con milioni di euro di fondi europei in ben due PSR e tenuti nel cassetto dalla Regione ormai da quasi dieci anni e mai approvati. Ne approfitteremo per riferire alla Commissione Europea a che punto si trova la Regione Abruzzo sulla perimetrazione della nuova Zona di Protezione Speciale dei monti Frentani, procedimento oggetto da anni di specifiche richieste da parte della Commissione. Che dire poi dello stato delle procedure delle Valutazioni di Incidenza Ambientale dove ci sono plurime e palesi violazioni della normativa comunitaria?”


Print Friendly and PDF

TAGS