Antonio Padovani Onlus, venerdì la presentazione dei “Diari di Notte” di Marcello Di Giacomo

di Redazione | 10 Novembre 2021 @ 18:29 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Riceviamo e publichiamo dalla Antonio Padovani Onlus: “E’ con grande piacere che presento alla comunità aquilana il volume “Diari di Notte” di Marcello Di Giacomo.  Il volume sarà presentato venerdì prossimo, 12 novembre, alle 18.30 nella bella cornice del Ridotto del Teatro Comunale.  Un’opera editata dalla ONLUS Antonio Padovani nell’ambito delle sue finalità sociali e di promozione del territorio. Sì, perché la fatica di Marcello racconta ben 50 anni di storia aquilana, dal 1960 al 2009,  da un punto di vista nuovo ed assolutamente unico. Un lavoro fortemente sentito da Marcello, che delle notti aquilane è tra i principali attori, un’opera unica nel suo genere perché testimonianza della città notturna raccontata direttamente dai protagonisti in storie di vita sapientemente organizzate nel volume dall’Autore.  Una bellissima testimonianza di spaccati di vita, un lavoro appassionante, un’opera originalissima, dove Marcello mette cuore ed infinita passione.   

Perché come ONLUS Antonio Padovani abbiamo fortemente voluto sostenere la pubblicazione di questa opera? E’ doverosa una premessa: nel nostro Paese, e non solo all’Aquila, viene sbrigativamente etichettata come “movida” quell’insieme di relazioni sociali, attività musicali ed anche culturali, disco dancing, eccetera, che animano la vita delle Città dal tramonto all’alba. L’approccio sulla movida è sempre molto parziale e, nel dibattito pubblico,  spazia senza alcuna fantasia tra i concetti di “sicurezza”, “decoro” e “ordine pubblico”.  Senza negare alcuni aspetti patologici del fenomeno della movida questo volume di Marcello Di Giacomo racconta con la voce diretta dei protagonisti e con la ricca citazione di luoghi e fatti, la poliedricità della notte, senza propinare al lettore l’ipocrita dicotomia tra “giusto” e “sbagliato” che taglia con l’accetta le complessità e propone al decisore pubblico soluzioni totalmente inefficaci.  Le amministrazioni locali affrontano i fenomeni narrati nei “diari della notte” con un misto di indifferenza, evocazione di ronde e telecamere,  nell’ambito di operazioni di propaganda politica e facile raccolta del consenso. 

L’opera di Marcello ha una esplicita finalità sociale, perché non solo dimostra la ricchezza e la creatività di fenomeni che vanno letti sotto la crosta delle apparenze perbeniste, ma permette pure al policy maker di assumere decisioni sulla base della conoscenza.  La “movida”, al netto delle degenerazioni da gestire (come risse, schiamazzi e graffiti), è un movimento di massa e celebra la creatività, la libertà, la controcultura, nella musica, negli eventi, nella letteratura e nel cinema. Tant’è che storicamente la movida è nata in Spagna come forte reazione sociale alla cappa liberticida imposta dal regime dittatoriale di Francisco Franco. Un’origine dimenticata e sommersa dalla retorica spicciola a cui assistiamo da tempo, perché invece nel nostro dibattito pubblico la parola “movida” ha assunto un’accezione negativa con la produzione di una enorme mole di ordinanze sindacali frutto di un’inventata perenne emergenza. 

Il grande merito di Marcello è quello di raccontare senza nascondere e così facendo apre nella nostra Città un dibattito su vita notturna,  socialità e inclusione, invitando a pensare  per L’Aquila un modello di sviluppo che, tra le sue componenti, deve considerare la valorizzazione della socialità, degli spazi, dei presidi musicali e culturali, dei luoghi di incontro. 

Non posso che concludere con un auspicio: mi auguro che,  partendo dai “Diari di Notte”,  si possa avviare  all’Aquila un dibattito corale e senza paraocchi con le associazioni,  le forze politiche, le organizzazioni di interessi, il terzo settore, i cittadini e le associazioni giovanili, capace di cogliere e affrontare le complessità, partendo dal territorio e realizzando proposte per affrontare il tema enorme degli spazi di aggregazione e della socialità … anche dopo il tramonto e correndo verso l’alba!”


Print Friendly and PDF

TAGS