Anpi, il prossimo 2 giugno celebriamo il “Battesimo civico”

di Redazione | 01 Giugno 2022 @ 16:06 | EVENTI
Battesimo
Print Friendly and PDF

L’ANPI chiede che il prossimo 2 giugno diventi per i ragazzi un’occasione di Battesimo civico, consegnando una costituzione, alla prossima amministrazione. “È un impegno che chiediamo alla prossima amministrazione comunale: il 2 giugno diventi per i ragazzi e le ragazze l’occasione del “Battesimo civico” per dare loro – con la consegna di una copia della Costituzione – la piena consapevolezza di essere nati da una straordinaria esperienza di libertà e di Liberazione. Come accadrà dopodomani a Chieti al Teatro Marrucino, e come già avviene in altre città d’Italia, anche L’Aquila il prossimo anno potrebbe e dovrebbe istituire questa cerimonia in cui coinvolgere il maggior numero di studenti possibile. Il 2 giugno celebra la scelta della Repubblica nata dal sacrificio di donne e uomini che lottarono contro il fascismo, la guerra e l’occupazione nazista e sognarono in grande un’Italia di pace, libertà, democrazia. Ma molti oggi non ricordano o non sanno cosa si festeggia. Ecco perché il 2 giugno deve essere la data da cui nasce l’alfabeto collettivo attuale e moderno di civiltà e umanità. Il “Battesimo civico” servirebbe a trasmettere l’idea di come vivere ogni giorno la Costituzione, di come praticarla, di come applicarla nei gesti concreti e quotidiani. Sarebbe il segno di una città che educa i propri figli e le proprie figlie a impegnarsi per difendere i beni pubblici, considerare le differenze (di genere, di colore o di religione) una ricchezza da coltivare, accogliere i migranti, rifiutare ogni discriminazione, la violenza di genere, il bullismo. Una città che insegna a non girarsi dall’altra parte, se per strada si assiste a un gesto di minaccia o di offesa verso una persona debole, a protestare per un salario degno e per i diritti sul posto di lavoro, a proteggere l’ambiente, a rendere più belle e più vive le strade e le piazze, a promuovere la cultura, a leggere, a giocare. A stare insieme, ad essere solidali e non egoisti. Ecco: il Battesimo civico può essere un segno di civiltà che, partendo dai suoi meravigliosi valori, faccia della nostra Costituzione un decalogo quotidiano di impegno sociale.”


Print Friendly and PDF

TAGS