Anniversario terremoto, Sospiri: ricordo forte nel cuore e nello spirito

di Redazione | 05 Aprile 2020 @ 09:39 | ANNIVERSARIO
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “In questo momento della storia dell’uomo, in cui sembrano venire meno le certezze e le speranze, è importante non disperdere la memoria degli eventi. Quando la natura, in maniera così brutale e inaspettata, rimodella le anime e le pietre di un intero territorio, non resta che conservare, nelle generazioni, il ricordo e la celebrazione di quello che è stato. Ecco che la memoria del sisma aquilano del 2009, quest’anno assume significati diversi e più profondi”.

Così il presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, in una nota dedicata all’anniversario del terremoto del 6 aprile 2009.

“Il dolore si sovrappone ad altro dolore e magari, in questa spirale di sentimenti umani, così intimi, la comunità degli abruzzesi coglierà in maniera più chiara e significativa il senso delle cose perdute, insieme alla bellezza della ricostruzione e al coraggio di rialzarsi”.

“Esattamente 11 anni fa, in questa stessa notte, tra la domenica delle Palme e il lunedì, sul nostro capoluogo di regione il 6 aprile 2009, si abbatté una tremenda sciagura – ricorda Sospiri – . Oggi come allora, il ricordo delle 309 vittime del sisma aquilano, insieme a tutte le vittime dei disastri naturali che hanno colpito la nostra regione, è forte nel mio cuore e nel mio spirito”.

“Non dimenticheremo mai quei giorni di sofferenza che oggi purtroppo coincidono con un virus che sta mietendo ancora tante, troppe vittime. L’Assemblea regionale abruzzese sarà sempre presente e vicina, oggi come all’ora, al dramma subito dall’Aquila”.

“La cancellazione della fiaccolata commemorativa, paragonabile al rinnovo annuale di un abbraccio tra gli aquilani e l’Abruzzo, sarà l’ennesima rinuncia che questo periodo impone, non sarà però l’alibi per ‘non esserci’ con il cuore e con qualche piccolo gesto simbolico”.

“Il Consiglio regionale – conclude Sospiri – aderisce all’iniziativa promossa dai Comitati dei Familiari delle Vittime e dal Sindaco dell’Aquila, quella di accendere una luce alle finestre e ai balconi, alla mezzanotte tra il 5 e il 6 aprile. Il colonnato dell’Emiciclo sarà illuminato dalle fiaccole, dando particolare rilievo alla bandiera tricolore. Quest’anno il ricordo del sisma aquilano abbraccerà l’intera Italia”.


Print Friendly and PDF

TAGS