Anche la Fondazione Carispaq partecipa a “Non sono un murales – Segni di comunità”

di Redazione | 29 Settembre 2021, @11:09 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA La Fondazione Carispaq partecipa alla Giornata Europea delle Fondazioni 2021 che si terrà il prossimo 1° ottobre alle ore 11.00 presso l’auditorium della Fondazione Carispaq (C.so Vittorio Emanuele II, 196 – L’Aquila).

Come accaduto nel 2020, anche per quest’anno il momento celebrativo della giornata sarà comune alle fondazioni di origine bancaria italiana e prende il titolo “Non sono un murales – Segni di comunità”: come evento diffuso in 120 luoghi d’Italia, che vede coinvolte diverse comunità nella realizzazione di un’opera d’arte corale. Mille tra bambini, ragazzi, artisti, insegnanti, detenuti, persone disabili, migranti sono stati coinvolti in percorsi guidati per realizzare un murales, reinterpretando in chiave personale uno stencil creato per l’occasione dallo street artist LDB

La Giornata Europea delle Fondazioni è un’occasione per promuovere l’impegno delle oltre 147.000 fondazioni e realtà filantropiche che in Europa sostengono, con erogazioni che valgono oltre 60 miliardi di euro annui, organizzazioni del Terzo Settore e progetti per lo sviluppo sostenibile. L’iniziativa è coordinata a livello europeo da DAFNE (Donors and Foundations Networks in Europe), mentre in Italia la Giornata è promossa congiuntamente dall’Acri, l’associazione che riunisce le 88 Fondazioni di origine bancaria, e da Assifero, l’associazione delle fondazioni di famiglia, di impresa e di comunità ed altri enti di filantropici.

La Giornata intende essere anche l’occasione per riappropriarsi degli spazi comunitari, tornare a progettare insieme e – pur rispettando tutte le regole di sicurezza – ricominciare a condividere idee e pratiche di cura del bene comune.

All’Aquila sono i giovani studenti dell’ Accademia di Belle Arti i protagonisti ed interpreti di Non sono un Murales – segni di comunità. Gli allievi del Corso di Pittura: Asia Sammassimo e Andrea Cascianelli coordinati dal Prof. Stefano Ianni, hanno realizzato un’opera che sarà donata all’ospedale San Salvatore della città, luogo emblematico di cura e di solidarietà nei confronti del proprio territorio e dei suoi abitanti soprattutto in questo momento in cui la pandemia da Covid-19 ha svelato alcune delle disuguaglianze che lacerano la nostra società e le ha ulteriormente aggravate. 

L’intervento in corso di realizzazione nel laboratorio di pittura dell’accademia aquilana sarà presentato venerdì prossimo alla presenza del Presidente della Fondazione Carispaq, Domenico Taglieri, del Presidente e della direttrice dell’Accademia di Belle Arti Rinaldo Tordera e Maria D’Alesio, del Sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, del Direttore Generale e Sanitario Asl1 Fernando Romano e Giovanna Micolucci, del direttore del reparto di terapia intensiva del nosocomio aquilano Antonello Ciccone e naturalmente, degli studenti e del docente che hanno realizzato l’opera d’arte.

La stessa, nei prossimi giorni, verrà posizionata, nel corridoio che conduce al reparto di terapia intensiva dell’ospedale dell’Aquila dove si sta ultimando l’intervento di potenziamento dei posti letto sostenuto anche dalla Fondazione Carispaq. 

Il programma completo della giornata e dei luoghi in cui verranno realizzate le opere sono sul sito www.nonsonounmurales.it. L’hashtag per seguire la giornata sui social network è #nonsonounmurales.


Print Friendly and PDF

TAGS