Ambiente: dal Mite 639mila euro al Comune dell’Aquila per clima

di Redazione | 12 Gennaio 2022 @ 17:37 | AMBIENTE
Mite verde pubblico L'Aquila avrà il censimento delle alberature
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – A seguito dell’istruttoria svolta dal Tavolo di Monitoraggio del Ministero della Transizione Ecologica (Mite), il progetto redatto dal Settore Ambiente e Protezione civile del Comune dell’Aquila e sottoscritto dal sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, è stato ammesso a finanziamento nell’ambito del “Programma sperimentale di interventi per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano” per l’importo di circa 639mila euro. Lo rende noto l’assessore all’Ambiente, Fabrizio Taranta.

“I cambiamenti climatici in corso stanno portando a una frequenza sempre maggiore di eventi meteorologici estremi che possono concorrere a determinare gravi conseguenze sul territorio, sulla salute della popolazione, le attività economiche, l’ambiente e la società in genere. Per far fronte a questi fenomeni avversi – spiega l’assessore Taranta – l’amministrazione comunale ha elaborato alcuni interventi integrati, che il Ministero della Transizione Ecologica ha deciso di finanziare, per agire su più fronti: ondate di calore, precipitazioni estreme e rischio idrogeologico, siccità estrema e aumento dei gas climalteranti”.

“Il primo intervento “green” previsto nel progetto che abbiamo presentato al MiTE – prosegue Taranta – riguarda la creazione di un piccolo bosco nell’area di Pile, che comporterà per le zone circostanti l’abbattimento della temperatura di alcuni gradi, la regolazione del flusso dell’acqua e dell’umidità dell’aria, nonché l’assorbimento di inquinanti, particolato e CO2 e l’aumento della biodiversità. A questo intervento di forestazione urbana è strettamente associato il primo intervento di tipo “blue” ovvero la realizzazione nella stessa area di un “rain garden” che permetterà il filtraggio e la depurazione naturale dell’acqua raccolta e la diminuzione nell’afflusso alle falde acquifere e ai corsi d’acqua, tale da ridurre la possibilità di fenomeni alluvionali a valle. Un secondo “rain garden” sarà realizzato anche in via Amiternum in modo da limitare sensibilmente il fenomeno dell’allagamento stradale e utilizzare l’acqua piovana raccolta per innaffiare tali aree. Sempre per un uso più efficiente e razionale della risorsa idrica abbiamo pensato alla realizzazione di una “piazza d’acqua” (water squadre) a Piazza Campo Imperatore, nel quartiere di Valle Pretara, con la duplice funzione di riqualificare l’area nell’ambito della rigenerazione urbana e realizzare un sistema deputato alla raccolta e al deflusso dell’acqua meteorica in caso di precipitazioni particolarmente intense, acqua che nei periodi di siccità potrà essere utilizzata per le aree verdi circostanti”.

“Nel progetto sono previste anche tre misure “soft”, strettamente interconnesse, che permetteranno di realizzare e rendere fruibile un database di dati meteo-climatici omogeneo col passato e in continuo aggiornamento, validato e corretto con osservazioni locali di proiezioni di variabili meteo-climatiche sul territorio del Comune dell’Aquila, al fine di fornire tra l’altro scenari climatici dei prossimi decenni. Inoltre, saranno realizzate attività di formazione/informazione sui cambiamenti ambientali in atto e incontri di partecipazione pubblica per la redazione del piano di adattamento ai cambiamenti climatici. La stessa redazione del piano prevederà, infine, di proporre ulteriori interventi da attuare nella lotta ai cambiamenti climatici” conclude l’assessore all’Ambiente, Fabrizio Taranta.


Print Friendly and PDF

TAGS