Ambasciatori, la filiera dei matrimoni: con vestiti ordinati da mesi un pugno allo stomaco

di Redazione | 16 Aprile 2020, @01:04 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – La crisi da coronavirus ha investito inesorabilmente tutta la filiera dei matrimoni. Lo stop alle cerimonie ha colpito uno dei comparti più “sentiti” per quel giorno, ovvero l’abito. Studiato nel dettaglio, sognato, scelto con molto anticipo e magari pure pagato.

“Si ribalta tutto – ci racconta Marco Vignini, titolare di Ambasciatori, negozio che veste l’uomo, – i clienti stanno rimandando le cerimonie oltre il mese di giugno, altri addirittura l’anno prossimo,  perché non vogliono le nozze “blindate”.  Per noi, è un altro terremoto, abbiamo abiti ordinati  e da pagare, che nessuno riprenderà indietro. Con le cerimonie posticipate, sarà tutto da rifare.”


Print Friendly and PDF

TAGS