Alex Zanardi si allenava sulle Rocche. Tornerà più forte, dicono i proprietari dell’Hotel Alba Sporting

di Matilde Albani | 26 Giugno 2020 @ 07:02 | ATTUALITA'
Print Friendly and PDF

ROCCA DI MEZZO – “Alex Zanardi era di casa da noi, dice a Laquilablog Abramo che insieme ad Alfredo, gestisce l’Hotel Alba Sporting di Rovere, a Rocca di Mezzo, luogo abituale di ritiro della nazionale italiana di paraciclismo”.

“L’auspicio, dice Abramo, è quello di vederlo tornare presto e più forte di prima”. “Ricordo la sua straordinaria abilità, con la sola forza delle braccia me lo sono ritrovato sopra al bancone del ricevimento mentre si scattava una foto”.

Dal 2013 la nazionale di paraciclismo guidata da Mario Valentini, aveva scelto l’altopiano delle Rocche insieme a Campo Felice, per allenarsi in vista delle Olimpiadi di Rio del 2016. L’ultima volta che ho visto Zanardi è stato due anni fa, racconta Abramo, lo venne ad intervistare anche la Bbc.

“La sua giornata iniziava molto presto con gli allenamenti a Campofelice, e dopo il pranzo le sue epiche partite a carte mentre raccontava barzellette. Quest’anno col Covid, il ritiro non ci sarebbe stato e la preparazione sarebbe saltata, ma il commissario tecnico, Mario Valentini mi disse che voleva organizzare una decina di giorni, erano innamorati tutti di questi posti”.

“In fondo è stato il Covid, conclude Abramo, a provocare l’incidente ad Alex. Questa era una gara organizzata dalla sua fondazione, per unire l’Italia dopo il lockdown fino a Santa Maria di Leuca. E poi, il destino cinico, Zanardi neanche avrebbe dovuto farla quella tappa, ha deciso all’ultimo”.


Print Friendly and PDF

TAGS