Alba Adriatica: uccide, finisce a martellate il suo cane e lo seppellisce

LNDC Animal Protecion, "un crimine a tutti gli effetti, dovrà rispondere di questo orrore"

di Redazione | 02 Maggio 2022 @ 17:52 | CRONACA
randagismo
Print Friendly and PDF

ALBA ADRIATICA Un uomo ha colpito più volte il proprio cane con un bastone e poi, visto che l’animale non moriva, ha deciso di finirlo a martellate. Subito dopo, ha scavato una buca in un terreno adiacente alla sua abitazione e l’ha seppellito lì. Questa scena degna di un film dell’orrore si sarebbe verificata in pieno giorno e persino davanti a testimoni, tanto è vero che una signora che avrebbe assistito al tutto si è subito preoccupata di allertare un’Associazione locale che poi ha contattato anche le Istituzioni. Infine, il cane è stato disseppellito dalla ASL che ha disposto l’esame autoptico. L’uomo si sarebbe giustificato dicendo che il cane era anziano e malato.

“Si tratta di un crimine vero e proprio. Quest’uomo dovrà rispondere delle sue azioni davanti alla Giustizia e noi saremo lì ad assicurarci che lo faccia e che venga punito di conseguenza”, dichiara Piera Rosati – Presidente LNDC Animal Protection“Il nostro team legale ha già presentato regolare denuncia ai sensi dell’art. 544-bis per uccisione di animale. La pena massima è di due anni di reclusione, cosa che non si ottiene quasi mai e che comunque non rappresenta una punizione adeguata per chi si macchia di gesti così orribili. Per questo motivo, continuiamo a sostenere che le pene per i reati contro gli animali dovrebbero essere rese più severe e garantire davvero giustizia per chi subisce questa violenza. Personalmente sono anche parecchio scioccata dalla moglie dell’uomo che, stando a quanto riferito dai testimoni, sarebbe rimasta lì senza dire e fare nulla per fermare quell’esecuzione cruenta. Persone di questo tipo non hanno alcuna considerazione della vita altrui? Come si può rimanere inermi davanti a tanta crudeltà spietata? Daremo battaglia in tribunale affinché a questo povero cane venga restituita un minimo di dignità, quella che non ha avuto da chi pensava essere la sua famiglia”, conclude Rosati – Presidente LNDC Animal Protection

 


Print Friendly and PDF

TAGS