Adsu L’Aquila, riparte la mobilitazione: a rischio alloggi e 60 posti di lavoro

di Alessio Ludovici | 10 Marzo 2022 @ 06:02 | ATTUALITA'
adsu
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Riparte il 14 marzo la mobilitazione per risolvere le questioni che rischiano di menomare i servizi offerti dall’Adsu dell’Aquila. Questa volta è la Filcams Cgil a lanciare una mobilitazione nel piazzale dell’Emiciclo, il prossimo 14 marzo, dalle 15 alle 17. Il nodo è la sede, quella di Campomizzi, con camere e mensa, è temporanea, ma la nuova casa dello studente è ancora in alto mare.

Era stato l’allora prefetto Franco Gabrielli a perorare il riutilizzo di Campomizzi, che venne ristrutturata in tempi record e messa a disposizione prima degli sfollati e quindi dell’Adsu. Mancano pochi mesi ormai alla fine della convenzione tra Ministero della Difesa, Regione Abruzzo e comune dell’Aquila. Si tratta della più grande residenza pubblica d’Abruzzo e dell’unica residenza universitaria pubblica dell’Aquila alla quale si accede per reddito e per merito. La convenzione scale nel febbraio 2023, a metà anno accademico, ragion per cui in realtà l’Adsu, questo il rischio paventato dalle principali organizzazioni studentesche, potrebbe essere costretta. a rinunciare ad utilizzarla già a partire dalla fine di questo anno accademico.

Nelle more della ricostruzione della casa dello studente andrebbe rinnovare la convenzione tra gli enti interessati e una risoluzione in tal senso era stata anche presentata e approvata dalla Quinta commissione del consiglio regionale

 


Print Friendly and PDF

TAGS