Addio a Gino Strada, aveva fondato 27 anni Emergency

Nel 2011 il medico è stato all'Aquila

di Redazione | 13 Agosto 2021, @03:08 | ATTUALITA'
Gino Strada
Print Friendly and PDF

ROMA – In Normandia, all’età di 73 anni, è morto Gino Strada che fondò, con la moglie Teresa Sarti, l’associazione umanitaria italiana, Emergency (15 maggio 1994 a Milano), insieme a Carlo Garbagnati e Giulio Cristoffanini.

Da tempo Strada era malato di cuore.

Nel 2011 Strada è stato all’Aquila, insieme alla figlia Cecilia. “Una grande emozione l’incontro con i volontari di Emergency, a L’Aquila in occasione del raduno nazionale”. Questo il commento di Stefania Pezzopane che in quell’anno era assessore comunale al Comune del capoluogo abruzzese.

Con l’Ong, il medico ha costruito ospedali e posti di primo soccorso in 18 Paesi.

Nato a Sesto San Giovanni, in provincia di Milano, il 21 aprile 1948 si era laureato in Medicina e Chirurgia all’Università Statale di Milano. Nel 1988 aveva deciso di applicare la sua esperienza in chirurgia di urgenza all’assistenza dei feriti di guerra. La nascita di Emergency risale al 1994: con la moglie Teresa Sarti e alcuni colleghi e amici fonda l’Associazione indipendente per portare cure medico-chirurgiche di elevata qualità e gratuite alle vittime delle guerre, delle mine antiuomo e della povertà. Sarti e Strada avevano una figlia: Cecilia, nata nel 1979. Lo scorso giugno, come ha ricordato il sindaco di Milano Beppe Sala, Strada si era sposato con “la dolce Simonetta, una cerimonia riservata come loro desideravano”.

La figlia Cecilia Strada ha scritto su Facebook: “Amici, come avrete visto il mio papà non c’è più. Non posso rispondere ai vostri tanti messaggi che vedo arrivare, perché sono in mezzo al mare e abbiamo appena fatto un salvataggio. Non ero con lui, ma di tutti i posti dove avrei potuto essere – continua – beh, ero qui con la ResQ – People saving people a salvare vite. È quello che mi hanno insegnato mio padre e mia madre. Vi abbraccio tutti, forte, vi sono vicina, e ci sentiamo quando possiamo”.

 


Print Friendly and PDF

TAGS