Acque agitate nel Governo sulla questione Green Pass: idee differenti

di Redazione | 21 Luglio 2021 @ 15:46 | POLITICA
Print Friendly and PDF

ROMA – Acque agitate nel Governo e nella maggioranza sulla questione del Green Pass e sulla revisione dei parametri. Pare che in fibrillazione maggiormente c’è la Lega decisa sull’allargamento del sistema che punta – questo l’obiettivo che si è dato il premier Draghi che ieri ha visto il commissario all’emergenza Figliuolo – a incrementare le vaccinazioni e a evitare ulteriori chiusure.

E anche tra i presidenti di Regione si discute sulle soglie di occupazione dei posti letto negli ospedali, “perchè in questo modo ci giochiamo l’estate”, una delle tesi di un ‘governatore’. Le Regioni puntano a una soglia del 15% di occupazioni di letti in terapia intensiva, con il governo ci sono delle interlocuzioni in corso. “L’andamento della campagna di vaccinazione – ha spiegato il presidente della Conferenza delle Regioni Fedriga – consente di aggiornare gli indicatori a cui si legano l’assegnazione dei colori alle diverse zone e le conseguenti misure di restrizione”. Un punto di caduta ancora non si è trovato, anche per questo motivo ci dovrebbe essere prima un confronto tra esecutivo e Regioni nella conferenza unificata in programma oggi e poi solo domani dovrebbe riunirsi la cabina di regia e poi il Cdm.

La Lega resta fortemente contraria all’obbligo di vaccinazione per il personale scolastico. “Se vogliono inserire l’obbligo dei vaccini allora il governo venga in Aula e si vota su un provvedimento”, dice un esponente del partito di via Bellerio. Differenze su questo punto nel centrodestra, considerato che Forza Italia ha presentato un disegno di legge per spingere sull’obbligo della vaccinazione. Ed è d’accordo con il fronte di chi ritiene necessario ‘allargare’ l’utilizzo del green pass pure ai ristoranti e ai viaggi a lunga percorrenza. La linea del presidente del Consiglio prevede l’uso del passaporto vaccinale nei luoghi al chiuso e per i grandi eventi.

Pure il Movimento 5 stelle dice si’ al green pass ma è sulla linea di non forzare eccessivamente la mano. Contraria, invece, Fratelli d’Italia.


Print Friendly and PDF

TAGS