Accesso ai tabulati telefonici negato, mega sanzione del Garante contro un’azienda di telefonia

di Alessio Ludovici | 07 Dicembre 2021 @ 06:00 | LA LEGGE E LA DIFESA
tabulati
Print Friendly and PDF

Una sanzione di 150 mila euro per aver negato a un abbonato l’accesso ai propri tabulati telefonici. Dovrà pagarla la Tim in seguito alla sentenza del Garante della Privacy. Il tabulato serviva al cliente per difendersi in un dibattimento penale. Non avendo ricevuto riscontro alle richieste il cliente si è rivolto al Garante al fine di ottenere i tabulati in tempo per il processo.  

Le giustificazioni addotte dalla società peraltro non hanno convinto il Garante che oltre alla sanzioni ha dichiarato, con un provvedimento urgente, illecita la condotta della società e ingiunto la stessa di soddisfare le richieste del cliente.  I problemi tecnici lamentati dalla società non sono un problema del cliente ha spiegato in sintesi il garante. Questa ha anche dichiarato di aver provato a chiamare il cliente e di avergli mandato una mail per chiedere integrazioni all’istanza. 

In base alla normativa europea infatti il titolare del trattamento deve agevolare l’esercizio dei diritti dell’interessato e fornire riscontro senza ingiustificato ritardo, e comunque non oltre un mese dal ricevimento della richiesta. Il Garante ha peraltro evidenziato che la compagnia telefonica non può evidentemente sindacare sulla strategia difensiva dell’imputato. 

Una condotta negligente secondo il garante che ha irrorato la sanzione


Print Friendly and PDF

TAGS