Accademia Medica, interventi e strategie per il Parkinson

Il 27 a L'Aquila un convegno nella Giornata Nazionale del Parkinson

di Matilde Albani | 17 Novembre 2021 @ 06:01 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – La malattia di Parkinson è una malattia neurologica frequente, con oltre 10 milioni di pazienti stimati nel mondo ed un progressivo aumento dei nuovi casi nel corso degli ultimi decenni. Rappresenta infatti la più diffusa malattia neurodegenerativa dopo l’Alzheimer. Contrariamente a quanto si pensa, non è soltanto una malattia della senilità e sempre più spesso la diagnosi viene effettuata intorno ai 50 anni (o anche prima), colpendo persone ancora in età lavorativa e in una fase molto attiva della vita. Colpisce non soltanto il paziente, ma l’intero nucleo familiare con pesanti ricadute sociali, assistenziali e sui rapporti personali. Per affrontare questi aspetti, l’Accademia Medica della Provincia dell’Aquila Salvatore Tommasi Onlus, la onlus nata per rivalorizzare le origini della medicina e rafforzare il legame tra cittadini e il mondo della sanità, ha patrocinato per il 27 novembre Giornata Nazionale del Parkinson, un convegno all’Auditorium del Parco. L’evento è stato organizzato dal dottor Alessandro Ricci direttore dell’Unità operativa di Neurochirurgia dell’ospedale San Salvatore e nel direttivo dell’Accademia insieme al dottor Francesco Abbate che da anni applicano la  cosiddetta neurochirurgia funzionale. Si tratta di una tecnica che l’ospedale aquilano pratica da oltre un anno  sui pazienti in cui  le terapie farmacologiche non danno più risposte. Di qui la necessità di sottoporlo alla stimolazione cerebrale profonda per  consentire di ridurre i sintomi della malattia, facendo diminuire il tremore e la rigidità e, più in generale, migliorando le abilità manuali e la qualità di vita. Nel corso della giornata di studi, si parlerà anche di farmacologia, riabilitazione e gestione del paziente.


Print Friendly and PDF

TAGS