Il caso della delibera predisposta dalla ASL Avezzano/Sulmona/L’Aquila per la migliore diffusione informativa delle proprie attività pone ed evidenzia problemi e contraddizioni che attengono al delicato rapporto tra istituzioni pubbliche, in particolare quelle locali, e mass media.

Se è vero che la linea di demarcazione e la distinzione dei ruoli tra istituzioni e mezzi d’informazione deve essere chiara e definita perché è tra le questioni in base alle quali si misura la qualità di una democrazia, è altrettanto vero che il potere pubblico, nella sua dimensione di servizio alla collettività, ha la necessità e il dovere di servirsi dei mass media per la divulgazione delle informazioni.

Vanno tuttavia, e sarà l’oggetto di una mia interrogazione al Presidente della Giunta regionale oltre che di una lettera a tutta la Giunta, con l’obiettivo di prendere tutte le iniziative che occorreranno, fugate tutte le ambiguità.

Innanzitutto va affermato un corretto, trasparente ed equilibrato sistema di relazioni tra istituzioni locali e mezzi di informazione. Quindi, in base ai principi individuati, occorre stabilire i criteri oggettivi di cui avvalersi per diffondere le informazioni di servizio alla collettività. Va deciso quando è legittimo spendere risorse per la pubblicità sui mass media e come scegliere di volta in volta le testate da utilizzare per un’efficace trasmissione del messaggio, oltre che i parametri per stabilire le modalità e il valore degli investimenti.

Pierpaolo Pietrucci
Consigliere regionale Partito Democratico

Commenti

comments