Il Pd L’Aquila aderisce alla raccolta firme “stop violenza alle frontiere”, per un’Europa solidale

Stop violenza alle frontiere", per un'Europa solidale

di Redazione | 11 Luglio 2023 @ 16:17 | POLITICA
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Come Partito Democratico abbiamo partecipato ieri al lancio della raccolta firme “Riprendiamoci l’Europa, basta violenza alle frontiere” promossa all’Aquila dalla Rete Solidale.

Una iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) che chiede all’Europa di applicare l’articolo 4 della Carta dei diritti fondamentali che afferma: “nessuno può essere sottoposto a tortura, né a pene o trattamenti inumani o degradanti”.

“Come Partito Democratico siamo profondamente convinti che l’Europa debba essere un’Europa sociale e dei popoli, basata sulla solidarietà, in cui, come recita il testo dell’iniziativa, non possa più quindi avvenire alcuna stipulazione di accordi internazionali in materia di contenimento dei flussi migratori con Stati terzi colpevoli di gravi violazioni dei diritti umani”. 

A dichiararlo è Alessandro Tettamanti, coordinatore del tavolo della Costituente “Città solidale” e membro della nuova segretaria del Pd aquilano.

“E’ noto infatti come il Pd della segretaria Elly Schlein – continua Tettamanti – abbia operato una totale inversione  di rotta rispetto ai tempi del Ministro dell’Interno Minniti, votando in maniera compatta in Commissione riunite Esteri e Difesa contro il rifinanziamento della guardia costiera Libica. Siamo infatti contrari ad ogni tipo di collusione con chi non rispetta i diritti umani”. 

“In tema di migrazioni – continua il coordinatore del tavolo città solidale – è importante abolire e riscrivere da capo la legge Bossi-Fini che crea solo irregolarità e sfruttamento, e ragionare invece su un vero permesso di soggiorno basato sul lavoro. Così come è necessario battersi per cambiare il trattato di Dublino, il motivo per cui migliaia di migranti restano bloccati in Italia e negli altri Paesi di confine. Cambiamento verso cui sono contrari i sovranisti europei Orban e Morawiecki che avversano la solidarietà europea e a cui il governo a traino Fratelli d’Italia, lo stesso partito del nostro Sindaco, dà incredibilmente ragione”.

“Si dica infine sì allo ius soli e ai diritti di cittadinanza” prosegue Tettamanti che sottolinea come quella di ieri al Parco del Castello “sia stata un momento per ascoltare dalla voce dei migranti stessi la rivendicazione dei propri diritti come lavoratori e nuovi cittadini di questo territorio. Donne e uomini che imparano la nostra lingua, lavorano sodo, pagano tasse e affitti, eppure sono spesso sfruttati o oggetto di episodi di razzismo. La loro battaglia per i diritti fa bene ai diritti di tutte e tutti”.  

“All’Aquila – conclude l’esponente del Pd aquilano -c’è sempre più bisogno di occasioni come quella di ieri, in cui una città di fatto già multiculturale, costruisca lo spazio in cui possa avvenire il contatto e lo scambio tra diverse culture, base di una nuova convivenza tra essere umani con gli stessi diritti di cittadinanza”.


Print Friendly and PDF

TAGS