A rischio riapertura impianti in Abruzzo, Sinistra Italiana L’Aquila: “Serve piano particolareggiato”

di Redazione | 12 Febbraio 2021 @ 12:16 | POLITICA
Gestori stazioni sciistiche
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – “Ci sono persone e famiglie che vivono di montagna, che in inverno soprattutto mettono da parte quanto possibile per affrontare l’annata. Non permettere la riapertura degli impianti il prossimo 15 febbraio causa probabile zona arancione per l’intera Regione Abruzzo potrebbe essere fatale per molti, per tutto l’indotto che ruota intorno agli sport invernali”.

Così Pierluigi Iannarelli, Segretario Circolo Sinistra Italiana L’Aquila, che aggiunge: ” Circostanza vuole che le zone interne della Regione dove è possibile svolgere queste attività non sono interessate dal picco di contagi. Ritengo che i protocolli previsti siano più che sufficienti a salvaguardare la sicurezza di tutti a differenza di quanto è stato fatto nel periodo estivo. Zone arancioni o rosse a livello provinciale o comunale al momento, come anche in passato, possono e potevano essere la soluzione. La Regione Abruzzo si faccia portatrice di un piano particolareggiato dinanzi al Ministero della Salute. Nonostante siamo per un turismo diverso che guarda al futuro, un futuro dove non c’è posto per nuovi impianti, è chiaro che quello che c’è deve funzionare e chi ci lavora, direttamente o indirettamente, deve essere messo in condizione di viverci. Ripeto – conclude – ne va della serenità e dignità di tantissime famiglie”.

 


Print Friendly and PDF

TAGS