A L’Aquila la “Giornata europea dei Giusti”

di Redazione | 05 Marzo 2024 @ 12:05 | EVENTI
“Giornata europea dei Giusti”
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Sabato 9 marzo alle ore 11:15, presso l’aula magna del Convitto Nazionale “Domenico Cotugno”, verrà celebrata la “Giornata europea dei Giusti”, per onorare donne e uomini che, nei momenti più tragici del passato e del presente, hanno operato per difendere la vita e la dignità umana.

Per tale occasione saranno messe a dimora delle piante dedicate a Federico Costantini e a Mahsa Zhina Amini nel “Giardino delle Giuste e dei Giusti”, creato nel 2019 per iniziativa del Convitto Nazionale “Domenico Cotugno” con i licei annessi e dell’Istituto Abruzzese per la Storia della Resistenza e dell’Italia Contemporanea (IASRIC).  

Nella “Giornata europea dei Giusti” l’I.A.S.R.I.C. omaggerà Osvaldo Caruso (nato nel 1924), ex Internato Militare Italiano.

Federico Costantini (1914-1977) con altri capifamiglia del borgo montano di Ciampichetti, un piccolo paesino sopra Farindola, in provincia di Pescara, si adoperarono per aiutare un gruppo di soldati inglesi fuggiti, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, dal campo di prigionia di Servigliano, nel Fermano. In particolare Costantini e sua moglie Rosina, che avevano tre figli piccoli (Gabriele, Maria e Italia), diedero ospitalità all’«inglis Jock» (che in realtà si chiamava H.A. Barson), il quale, al ritorno in Gran Bretagna, scrisse loro una lettera di ringraziamento con allegato un assegno di dieci sterline che loro non vollero riscuotere. In seguito Harold Alexandercomandante supremo delle forze alleate del Mediterraneo, fece pervenire ai Costantini un certificato di ringraziamento per aver aiutato i militari del Commonwealth.

Mahsa Zhina Amini (1999–2022) era una curda iraniana che il 13 settembre 2022 venne arrestata a Teheran dalla cosiddetta polizia “morale” per non aver rispettato l’obbligo discriminatorio di indossare il velo. Secondo testimoni oculariMahsa Amini fu picchiata violentemente mentre veniva trasferita con laforza nel centro di detenzione di Vozara a Teheran. Poche ore dopo fu trasferita all’ospedale di Kasra dopo essere entrata in coma. È morta tre giorni dopo. Le autorità iraniane annunciarono indagini negando contemporaneamente qualsiasi illecito, ma questo non è bastato a fermare le numerose mobilitazioni della società civile dilagate su tutto il territorio nazionale. Da quel momento Mahsa Amini è diventata il simbolo delle lotte a favore dei diritti delle donne in Iran. Nel 2023 post mortem le è stato assegnato il “Premio Sacharov” per la libertà di pensiero.


Print Friendly and PDF

TAGS