A L’Aquila “ApprendiMenti in Gioco”, la quinta edizione del residenziale formativo

24 e 25 luglio 2024

di Redazione | 04 Luglio 2024 @ 11:10 | EVENTI
Print Friendly and PDF

L’AQUILA – Sarà il capoluogo abruzzese, recentemente proclamato Capitale Italiana della Cultura 2026, ad accogliere la quinta edizione del celebre Residenziale Formativo promosso da CIAPE – associazione culturale, ambasciatrice Erasmus+ della prima ora, attiva nella promozione del lifelong learning a livello nazionale ed europeo. “ApprendiMenti in Gioco” – questo il titolo dell’appuntamento in programma, si terrà il 24 e 25 luglio 2024 nel cuore storico de L’Aquila, e mira a esplorare come il gioco e la bellezza possano stimolare l’apprendimento continuo e promuovere una cittadinanza attiva e consapevole.

I 15 partecipanti, selezionati tra formatori, educatori, pedagogisti, docenti, coordinatori e gestori di servizi di istruzione e formazione, filosofi, antropologi e “play hunters” provenienti da tutta Italia, esploreranno il potenziale del gioco come strumento educativo, integrando prospettive transdisciplinari attraverso talk ispirati al format TED, attività esperienziali, laboratori e momenti di decompressione pre e post attività, il tutto per favorire la messa in circolo dei talenti ed alimentare la voglia di esplorare insieme.

In effetti, l’appuntamento aquilano, in coerenza con il format di successo dei Residenziali Formativi promossi da CIAPE, non sarà solo un percorso di apprendimento. Infatti, si tratterà di un’esperienza di networking e scambio di buone prassi, finalizzata a creare nuove e durature sinergie, nonché iniziative congiunte nel campo della didattica innovativa. Proprio come è accaduto nell’ultima edizione, tenutasi a Spoleto lo scorso marzo, che ha portato alla co-definizione del Manifesto della Pedagogia del Bello, documento nato dalla consapevolezza che l’estetica possa essere un catalizzatore per l’apprendimento permanente, promuovendo l’inclusione sociale, la cittadinanza attiva, la sostenibilità concepita in senso olistico.

Non è un caso dunque che l’evento goda del prestigioso patrocinio degli Ambasciatori Erasmus+ EDA (Educazione degli Adulti), di ANCI Abruzzo, del Comune de L’Aquila e di Slow Food L’Aquila. Oltre alla valenza culturale dell’evento, infatti, queste collaborazioni sono un riconoscimento dello sforzo profuso dagli organizzatori per l’attivazione di preziose sinergie che coinvolgono il tessuto socio-economico locale. Numerose sono, infatti, le realtà del territorio coinvolte nell’organizzazione della due-giorni: la cooperativa sociale Appstart opera da catalizzatore delle energie giovanili coinvolte nell’ambito del living lab in programma sui temi del Nuovo Bauhaus Europeo, il coloratissimo caffè letterario LiberaMia ospiterà le attività formative, mentre il design delle camere del Ginevra Boutique Rooms accoglierà i partecipanti e il ristorante con orto urbano Da Lincosta (Osteria d’Italia Slow Food) ne delizierà il palato con un’apericena sostenibile, comprensivo di una degustazione di vini biologici della Cantina Iovenitti di Poggio Picenze.


Print Friendly and PDF

TAGS