A Bussi sul Tirino la seconda edizione del torneo “Conoscere per crescere”

di Redazione | 03 Luglio 2024 @ 13:03 | SPORT
Print Friendly and PDF

BUSSI SUL TIRINO – Si è chiuso a Bussi sul Tirino il torneo “Conoscere per crescere”, giunto alla sua 2a edizione, dopo quella del 2023 a Fossacesia. Il progetto promosso dal Comitato regionale LND Abruzzo riguarda la categoria Under 13 sperimentale di calcio a 5 e calcio a 9, in cui per la prima volta i bimbi giocano una partita con l’arbitro in campo.

Dopo le fasi provinciali svolte nei mesi passati, con la qualificazione di due squadre per provincia,
si è arrivati alle finali regionali. Queste le formazioni qualificate: per L’Aquila, Olympia Ovidiana e
Academy L’Aquila; per Chieti, Villa 2015 e Virtus Vasto Calcio; per Pescara, Penne 1920 e
Cantera Adriatica FC; per Teramo, Santegidiese 1948 e Accademia Pineto Calcio.

Festa finale per tutti, in particolare per Villa 2015 e Olympia Ovidiana ex equo al termine del
torneo.

Nella pausa pranzo, tra le gare del mattino e del pomeriggio, le squadre hanno incontrato i
presidenti LND Abruzzo, Concezio Memmo, e AIA, Giuseppe De Santis, e i 3 testimonial
dell’evento: Vinicio Santoro, giocatore Sulmona Futsal, Daniel De Marcellis, giocatore Città di
Teramo 1913, e Gabriele Scatena, arbitro di CAN C appena promosso in CAN A/B, che hanno
parlato ai ragazzi delle loro esperienze di sport e studio.

Il Comitato ha consegnato un riconoscimento, per la collaborazione organizzativa, al presidente
del Tirino Bussi, Lino Galante, e al vicesindaco di Bussi sul Tirino, Paolo Salvatore.
A fine Torneo, tutti a vedere la partita tra Italia e Svizzera davanti al maxischermo allestito in
tribuna. Nell’intervallo della partita si sono tenute le premiazioni in campo delle 8 squadre
partecipanti.

Il vicepresidente del Comitato regionale, Alessandro Di Berardino, ha commentato il gran finale
del torneo: “L’idea di un progetto di formazione legato alla conoscenza dei regolamenti non può
che partire da bambini che si affacciano all’attività agonistica. Oltre a valorizzare il processo
evolutivo tecnico-sportivo, il progetto mira ad una vera e propria crescita culturale degli atleti e
delle Società, attraverso il dialogo e il confronto costruttivo con la componente AIA. Con l’obiettivo
di far acquisire anche il rispetto dei ruoli, gli arbitri si sono misurati nell’esposizione di nozioni ed
aspetti regolamentari prima dell’inizio di ogni gara. Un progetto innovativo, che ha messo in campo
200 fra calciatori e tecnici, tantissimi genitori sulle tribune, con comportamenti esemplari. Queste
sono le giornate di sport che vogliamo”.


Print Friendly and PDF

TAGS