Sesso, droga (light) e pompe funebri: ecco come ti pubblicizzo il tabù è il titolo dell’articolo pubblicato oggi su IlSole24Ore e se si parla di comunicazione innovativa non poteva mancare la citazione alla famose campagne di Taffo, un’agenzia di onoranze funebri divenuta celebre in tutta Italia per la sua ironia. Può sembrare paradossale ma la Taffo è riuscita nell’intendo di far ridere anche della morte e le sue pubblicità sono tra le più chiacchierate del momento.

Taffo, campagne sociali e autoironia
Se da Eros ci spostiamo a Thanatos, il caso di studio si chiama Taffo: non c’è argomento di cronaca che l’agenzia di pompe funebri capitolina non riesca a cavalcare con originalità. Ci sono le elezioni? Sui social spunta un’inserzione che mette in fila cinerari delle forme più diverse. Claim: «Vi aspettiamo alle urne». Si dibatte di flat tax? Lo slogan diventa: «È giusto che chi muore di più paghi meno le fosse». Elio e le Storie Tese organizzano un concerto d’addio? Le (finte) esequie della band sono a cura di Taffo.

“Ironia e campagne sociali sono i nostri punti di riferimento. Grazie alle campagne nell’immaginario collettivo degli italiani ormai rappresentiamo il settore”

Alessandro Taffo, responsabile commerciale di Taffo Funeral Services 

«Ironia e campagne sociali sono i nostri punti di riferimento», sottolinea Alessandro Taffo, responsabile commerciale dell’azienda seguita da Kirweb, Peyote Adv e Ndv, con investimenti annuali in marketing che arrivano fino a 350mila euro. E i risultati si vedono: «Grazie alle nostre campagne – rimarca Taffo – nell’immaginario collettivo degli italiani ormai rappresentiamo il settore».

Commenti

comments