“Non so se sono uscito io dal Pd o se quel Pd non c’è più. Forse adesso, alla mia età potrebbe essere il momento di esprimere me stesso”. Lo ha detto il presidente del Senato, Piero Grasso, a Pescara al Fla, festival di libri e altre cose, nel corso di un’intervista con Luca Sofri, direttore de Il Post. E su un suo futuro in politica: “Nel 2012 pensavo al mio futuro che non era in magistratura quando per caso incrociai al Quirinale Bersani. Lo andai a trovare al Nazareno e posi come condizione di ritirarmi dalla magistratura. E quando mi iscrissi al Pd presentai un progetto contro la criminalità, e poi feci subito il presidente del Senato. Una carica istituzionale. Non ho avuto modo di fare politica. Se ci sono le condizioni forse ho voglia di fare politica. Per ora ascolto”

“La ricerca della verita’ e’ sempre stato l’obiettivo principale della mia vita, la priorita’ , come magistrato. Nel momento in cui mi sono spostato in politica non ho perso di vista i miei obiettivi di legalita’ e giustizia”. Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso, nel corso della presentazione a Pescara del libro “Storie di sangue, amici e fantasmi”, nell’ambito del Fla – Festival di Libri e Altrecose. “Nel mio primo discorso da presidente del Senato – ha aggiunto – dissi che avrei voluto che si facesse una Commissione su tutte le stragi e le mafie che potesse collegare tutto. Il mio appello non fu accolto, si fece la solita Commissione antimafia. E’ una cosa che farei ancora oggi”. “La verita’ – ha proseguito – e’ qualcosa che dobbiamo alle vittime, e anche al futuro da costruire. Non si costruisce un futuro se non si conosce la verita’ del passato”. “Come mi chiamo? So che nelle redazioni dei giornali spesso si fa confusione: Pietro o Piero? Beh, il motivo di questa confusione e’ dovuto al fato che mio nonno si chiamava Pietro e al sud si sa tutti i primi figli maschi prendono il nome del nonno. Ma siccome eravamo sei cugini alla fine per distinguerci c’era chi si chiamava Pieruccio, Pierino, Pietrino. A me dettero il nome di Pietro quindi anche se all’anagrafe sono Pietro anche voi chiamatemi Piero”

“Falcone e Borsellino non erano eroi, ma persone da prendere ad esempio perche’ vanno considerati anche sotto il lato umano: erano persone con alto senso del dovere e delle istituzioni ed e’ questo il motivo per cui devono essere presi ad esempio”, ha detto ancora Grasso.

Commenti

comments