Trio di Parma

La Società Aquilana dei Concerti Barattelli L’Aquila ha affidato al prestigioso Trio di Parma l’esecuzione integrale dei Trii per violino, violoncello e pianoforte di Ludwig van Beethoven. Il progetto, articolato su più stagioni concertistiche, è iniziato l’8 gennaio scorso con un primo appuntamento. Il secondo concerto è in programma all’Auditorium del Parco, domani domenica 12 novembre con inizio alle ore 18.barattelli

Il Trio di Parma, chiamato così per la fondazione nel 1990 all’interno della classe di musica da camera di Pierpaolo Maurizzi al Conservatorio “A. Boito” di Parma, in pochi anni si è imposto sulla scena internazionale con una notevole attività discografica, concerti con i più grandi artisti del mondo e, parallelamente, con un costante impegno didattico in Italia e all’estero, come ad esempio al Mozarteum di Salisburgo, alla Chamber Music Academy di Duino e alla Scuola di Musica di Fiesole. Il Trio è composto dal violinista Ivan Rabaglia che suona un bellissimo strumento realizzato da Giovanni Battista Guadagnini a Piacenza nel 1744, il violoncellista Enrico Bronzi, con uno strumento di Vincenzo Panormo costruito a Londra nel 1775 ed il pianista Alberto Miodini.aquila_film_festival_auditorium pubblico

Per questo secondo appuntamento beethoveniano in programma il Trio in mi bemolle maggiore op. 70 n. 2, le Quattordici variazioni su un tema originale in mi bemolle maggiore op. 44 e il famoso

Trio in si bemolle opera 97 detto “Arciduca” per la dedica all’allievo mecenate Rodolfo d’Asburgo, scritto in un poco più di un mese nel 1811 e considerato uno dei capolavori di Beethoven per la ricchezza delle idee musicali.

Trio di Parma
Trio di Parma

Commenti

comments