forestale

Dopo un intenso iter amministrativo, è stata rinnovata presso la sede dell’Assessorato alle Politiche Agricole e di Sviluppo Rurale la Convenzione tra la Regione Abruzzo, rappresentata dall’Assessore dott. Dino Pepe, ed il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, rappresentato dal Comandante Regionale Ingegnere Ciro Lungo, per l’impiego del Corpo forestale dello Stato nelle materie di competenza regionale.forestalenellezoneterremotate

Queste le principali direttrici del concorso del Corpo Forestale dello Stato:

* tutela del patrimonio agro-silvo-pastorale e del demanio forestale regionale;

* tutela della fauna selvatica e la vigilanza in materia venatoria;

* tutela e controllo degli ecosistemi fluviali;

* conservazione dei vivai forestali regionali;

* prevenzione degli incendi boschivi.forestalecavalli

Continua così la proficua collaborazione nella tutela del demanio forestale regionale, articolato su 19 Foreste Demaniali, per complessivi 11.000 ettari di superficie, dei due storici vivai forestali regionali nonché nei tradizionali settori del demanio armentizio e tartuficolo.

Un’importante novità introdotta nel rinnovo della Convenzione triennale è costituita dall’impiego di Reparti forestali specializzati nel monitoraggio e controllo delle aste fluviali, da realizzarsi di concerto con il Dipartimento Opere Pubbliche, Governo del Territorio e Politiche Ambientali.

È stato inoltre posto l’accento sulla tutela della fauna selvatica, che si articolerà sull’attività del Centro Recupero Fauna Selvatica di Pescara, sul controllo degli orsi cosiddetti confidenti, su quella del Nucleo Cinofilo Antiveleni e sulla sorveglianza generale dell’attività venatoria.elicotteroforestale

In concreto le attività saranno svolte dai neo istituiti reparti forestali dipendenti dal Comando Unità Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare Carabinieri.

“Si consolida e rinnova così” hanno dichiarato i due firmatari, “lo storico rapporto di collaborazione tra la Regione Abruzzo ed il Corpo forestale dello Stato che a grandi numeri vedrà impegnato il Corpo con 2000 sopralluoghi annui, un centinaio di intervento di recupero di fauna in difficoltà e almeno 600 ispezioni a tutela dei fiumi abruzzesi dall’inquinamento”.

Commenti

comments

Tags: