gentepersonaguidatoreguidatriceautistaallaguidatelefeonandoaltelefoninocellulare

Le sempre più avvertire esigenze di tutela della sicurezza stradale richiedono un’adeguata risposta facendo convergere le forze sul contrasto di fenomeni illeciti che attentano alla sicurezza della personale e dei trasporti, a secondo dei diversi ambiti da attenzionare, con particolare riguardo al tema della prevenzione e repressione delle violazioni delle norme di comportamento alla guida, prime tra tutte quelle causate dalla distrazione, sempre più correlata all’utilizzo non corretto dei dispositivi telefonici, spesso concausa di numerosi incidenti.gentepersonaguidatoreguidatriceautistaallaguidatelefeonandoaltelefoninocellularegentepersonaguidatoreguidatriceautistaallaguidatelefeonandoaltelefoninocellulare gentepersonaguidatoreguidatriceautistaallaguidatelefeonandoaltelefoninocellularepolizia

L’utilizzo del telefono cellulare o di cuffie sonore, impegnando una o entrambe le mani con l’apparecchio, ovvero limitando le proprie funzioni uditive, costituisce un comportamento durante la guida che ha gravissimi effetti sulla concentrazione del conducente e sulla capacità di attenzione alle condizioni esterne all’abitacolo durante la marcia.

Il codice della strada prevede all’articolo 173, comma 2 e 3 bis, una sanzione da euro 161,00 a euro 647,99 (euro 112,70 se il pagamento avviene entro 5 giorni) e la decurtazione di 5 punti dalla patente di guida del trasgressore. In caso di una seconda infrazione commessa nel corso di un biennio è prevista anche la sospensione della patente da 1 a 3 mesi.gentepersonaguidatoreguidatriceautistaallaguidatelefeonandoaltelefoninocellularecarabinieri

Pur non potendo ascrivere a solo questi casi illeciti la fonte di distrazione del conducente, la diffusione di tali strumenti e la presenza in essi di molte applicazioni facilmente accessibili anche con l’uso di una sola mano sta ampliando notevolmente i fattori di rischio di sinistri stradali per condotte di guida incerte, non lineari, rallentate o per manovre improvvise e non presegnalate, senza un motivo facilmente apprezzabile dai conducenti che seguono,gentepersonaguidatoreguidatriceautistaallaguidatelefeonandoaltelefoninocellulare

Al fine di attuare una capillare attività di prevenzione sullo specifico problema, dal 1° al 4 febbraio 2018 nell’intera provincia di L’Aquila, la Polizia di Stato, con il particolare contributo specialistico della Polizia Stradale, l’Arma dei Carabinieri e con le Polizia Municipali del Capoluogo abruzzese, Avezzano e Sulmona, in provincia di L’Aquila, hanno dato vita alla prima operazione congiunta provinciale ad alto impatto denominata Spegni il cellulare. Accendi la sicurezza.gentepersonaguidatoreguidatriceautistaallaguidatelefeonandoaltelefoninocellularepoliziamunicipale

Nel corso di quattro giorni di serrati controlli su tutte le arterie della provincia, 53 pattuglie e 111 operatori hanno verificato 447 veicoli, accertando 51 violazioni specifiche per utilizzo del cellulare durante la guida e 69 violazioni di altre norme del codice della strada. Una prima analisi dei risultati evidenzia come il telefonino durante la guida sia maggiore fonte di distrazione nei centri abitati (60,8% delle violazioni accertate) e sulle strade extraurbane (33,3 %).questuralaquila

In allegato le tabelle sinottiche dell’attività svolta e dei risultati ottenuti.

Commenti

comments