Secondo l’articolo del Fatto Quotidiano il governatore dimissionario ha annunciato di aver dato incarico all’Avvocatura regionale di verificare la possibilità di presentare denuncia nei confronti dei rappresentanti istituzionali “che hanno promosso minaccia di messa in stato di accusa del presidente della Repubblica”. L’obiettivo: capire se “siano state violate le norme costituzionali”.

****

“Lesione dell’autonomia del capo dello Stato”. Luciano D’Alfonso punta il dito contro Luigi Di Maio che a fine maggio, dopo il no opposto da Sergio Mattarella alla nomina di Paolo Savona al ministero dell’Economia, aveva annunciato una richiesta di impeachment del Presidente della Repubblica.

Il presidente della Regione Abruzzo, dimessosi in anticipo rispetto alla scadenza del mandato a seguito dell’accelerazione imposta dalla Giunta per le elezioni del Senato che l’ha obbligato ad optare tra lo scranno in Senato e la poltrona di governatore, ha annunciato che la giunta regionale ha dato incarico all’Avvocatura regionale di verificare la possibilità di presentare denuncia nei confronti dei rappresentanti istituzionali “che hanno promosso minaccia di messa in stato di accusa del presidente della Repubblica” a seguito della crisi istituzionale aperta per la formazione del governo.

Per D’Alfonso “si è configurata, anche con la sola minaccia, la lesione dell’autonomia riconosciuta costituzionalmente al Capo dello Stato. Con questo atto – ha detto – intendo custodire l’integrità, la libertà e l’autonomia del Capo dello Stato che rappresenta l’unità del Paese e verificare se, durante il dibattito politico, siano state violate le norme costituzionali“. “È la prima volta – ha proseguito D’Alfonso – che si fa un’iniziativa del genere in Italia, a tutela dei valori di altissima consistenza della Repubblica Italiana. Se fossimo stati in America, saremmo stati di più a tutelare il bene supremo dell’Unità Nazionale e dell’Unità territoriale”.

Il governatore uscente, in conferenza stampa a Pescara, ha annunciato inoltre che, quale senatore Pd, ha presentato un’interrogazione in merito al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, “affinché verifichi ciò che è accaduto e assuma iniziative a tutela dell’Unita nazionale. Mai più deve ripetersi quello che è accaduto, e che il dibattito politico è stato a tale punto incontinente e che ha dato luogo a dichiarazioni del tipo: metteremo in stato d’accusa il presidente per alto tradimento”. Quella del presidente della Repubblica, ha concluso D’Alfonso, “va tenuta al riparo. È una condotta, la sua, costituzionale, che non risponde politicamente. Non ci possono essere iniziative di parte così lesive e così distruttive. Primo ora ritengo che non debba mai più accadere. Secondo, che si verifichi quanto accaduto, e se ha generato una condotta e una fattispecie che deve essere segnalata alle autorità competenti”.

Commenti

comments